domenica 21 aprile 2013

Tragedia a Bergamo: donna uccide la figlioletta di 18 mesi e poi si taglia la gola



BERGAMO - Ha ucciso la figlia di un anno e mezzo accoltellandola e poi si e' tolta la vita, tagliandosi la gola. E' accaduto in un appartamento di via Giulio Cesare a Bergamo. Alessia Olimpo, dentista di 36 anni, e la figlia sono state trovate senza vita nella camera da letto della piccola: a trovarle il marito Alberto Calderoli.
Il marito era rientrato in tutta fretta da un congresso dentistico a Riva del Garda (Trento) dopo che il padre gli aveva riferito di non aver ottenuto risposta dalla moglie in casa: ‘uomo non era riusciti a farsi aprire dalla moglie (la porta era sbarrata) e aveva chiamato i pompieri, Secondo le prime informazioni si tratterebbe di un omicidio-suicidio.  I rilievi della polizia sono proseguiti fino a tarda notte. 
La tragedia avvenuta ieri sera si è consumata nella cameretta della bimba di 18 mesi, dove Alessia Olimpo ha ucciso la figlia probabilmente durante un raptus. L'intero palazzo di viale Giulio Cesare è rimasto blindato per tutta la notte per consentire alla polizia di eseguire tutti i rilievi. Proprio per mantenere la scena del crimine intatta, i tecnici della scientifica sono entrati da una finestra: il corpo di Alessia era infatti disteso proprio dietro la porta della stanza e, se la polizia fosse entrata aprendola, avrebbe inevitabilmente spostato il corpo e compromesso la scena. Per introdursi nell'abitazione gli inquirenti hanno dunque utilizzato l'autoscala dei vigili del fuoco. La trentaseienne era dentista come il marito e lavorava nello studio di quest' ultimo in via don Guanella. Un vicino, accorso in tarda serata in viale Giulio Cesare, non riusciva a darsi una spiegazione per quel tragico gesto: «Mia moglie è assistente nel loro studio dentistico e la dottoressa Olimpo non ha mai dato segni di depressione o di disturbi psichici».
Posta un commento